Amazon Bitcoin, e se Jeff Bezos volesse farlo?

E se potessi pagare con criptovaluta su Amazon, tipo Amazon Bitcoin? Recenti rumors hanno portato ad una sola conclusione. Pare che Jeff Bezos, CEO e fondatore di Amazon, voglia buttarsi su un campo specifico, quello dei Bitcoin e delle criptovalute in generale. Un argomento che noi abbiamo affrontato già in maniera approfondita, e che ora sembra aver toccato anche i lidi del colosso e-commerce. Recentemente infatti pare che Amazon abbia depositato un brevetto creato nel 2014, al cui interno pare ci sia una sezione proprio dedicata ai Bitcoin.

Esiste davvero l’Amazon Bitcoin?

Non ancora, ma ci stanno lavorando. L’azienda americana ha una intenzione: quella di creare un marketplace di dati in streaming per controllare le transazioni. In questo modo, Amazon punta ad aiutare le aziende ad avere più dati per offrire consigli ai loro utenti in fase di acquisto.
Una sezione parlerebbe anche  delle transazioni effettuate in Bitcoin o criptovalute.
Vagliando in questo modo la possibilità che Amazon in futuro accetterà pagamenti con criptovaluta.
Aggiungiamo anche lo spirito di vicinanza che Bezos e l’azienda stessa
hanno sempre dimostrato nei confronti della valuta digitale.
Più

Che cosa comporterebbe se fosse vero?

Comporterebbe per la prima volta un sistema di pagamenti e- commerce effettuabile anche tramite criptovaluta, una cosa mai vista. Il sistema brevettato Amazon avrebbe dalla sua il saper e riuscire a controllare ogni singola transazione.
Secondo il brevetto infatti il sistema inventato da Amazon garantirebbe la totale sicurezza delle transazioni, uno dei nodi gordiani più grandi quando si parla specialmente di Bitcoin.
Quindi è una possibilità che l’azienda di e-commerce americana voglia introdurre questo meccanismo.
Ci sarebbero sicuramente conseguenze da parte dei colossi di e-payment e soprattutto da parte delle banche, come sta già avvenendo in questo momento. Tuttavia, la possibilità concreta dato lo sviluppo vertiginoso della criptovaluta sembra portare in questa direzione.

Autore dell'articolo: Francesco E.

Rispondi